Archivi tag: Archivi e Eventi

Con il brindisi ai 12 anni Archivi e Eventi rivendica il cambiamento della cultura cittadina

BEP, l’elegantone che frugava i misteri di Klimt
Ecco il brindisi di Archivi e Eventi

Giuseppe Maria del Chiappa, “l’elegante Beppino coi suoi biondi capelli crespi e la sua lunga affilata persona sempre inappuntabilmente vestita”, insomma “l’arbiter della “branca”, ha fatto centro.
Così “Archivi e Eventi” ha brindato ai suoi 12 anni con tantissimi amici, a partire da preziosi collaboratori, quali Federico Marri, musicologo e Francesca Luseroni, storica dell’arte, per arrivare a Luciano Barsotti, Presidente Fondazione Livorno Arte e Cultura, e ancora l’Avvocato Luciano Canepa, Gabriella Tani, Segretaria dell’Ordine degli Avvocati, Antonio Amato, direttore del Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato, Paolo Ciolli, chef e scrittore, Giancarlo Battaglia, scultore e fotografo, Beatrice Del Nero, erede del pittore Corrado Michelozzi, Fabrizio Pizzanelli, raffinato incisore ed erede dell’artista Ferruccio Pizzanelli, Sonia Salvini, esponente dell’Associazione “Arte Dinamica T 106”, la Professoressa Marianna Puz (Soprano), la Dottoressa Paola Priorelli, l’Ingegner Gilberto Puce, l’Ingegner Roberto Biondi, il Dott. Sandro Casini (medico) e Signora, il Dott. Riccardo Riccioni e Signora, il Generale Alfonso Napolitano e Signora.
Con Mario Bardi, erede della storica famiglia Bardi e con sua moglie Daniela Fedeli, generosi collaboratori dell’evento, Francesca Cagianelli ha festeggiato le tante scoperte realizzate sul campo nel corso di una pluriennale ricerca scientifica sempre pionieristica e votata alla valorizzazione dello storico caffè labronico.
Con Cristiana Grasso e Teresa Giannoni, attente giornaliste che da sempre hanno documentato le tappe di tale ricerca, con gli amici di Telegranducato e con il fotografo di sempre, Roberto Zucchi, Francesca Cagianelli, in qualità di Presidente di Archivi e Eventi, ha ricordato come anche grazie all’attività della sua Associazione il volto della cultura cittadina ha mutato indirizzo: da un postmacchiaiolismo omnicomprensivo a una capillare indagine di talenti dimenticati, tra i quali certamente Ecco che Giuseppe Maria del Chiappa, alias “Bep”, “romantico, sentimentale, sempre imbarcato in avventure”, sembra divenire una sorta di emblema dello stile dell’Associazione, senza contare che il suo “frugare più a lungo dentro al mirabolante scrigno dell’artificioso Klimt”, come ebbe a ricordare Gastone Razzaguta, riflette più di qualsiasi altra personalità, lo sguardo privilegiato verso l’internazionalità artistica da sempre adottato da “Archivi e Eventi”.
Stasera siete tutti invitati a vedere il servizio di Telegranducato durante il TG delle 20.30.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Brindisi di Archivi e Eventi per i 12 anni

Per celebrare i suoi dodici anni di attività sul territorio, “Archivi e Eventi”, Associazione Culturale per la Documentazione e la Promozione dell’Ottocento e del Novecento Livornese”, ha scelto di presentare al pubblico, sabato 30 giugno 2018, ore 11.00, uno straordinario inedito ritrovato: Allegoria, di Giuseppe Maria Del Chiappa (Scandicci, 1883-Torino,1950).
Nata con la mission di valorizzare le personalità di eccezione del Novecento toscano, in particolare livornese, che comunque attingano momenti di aggiornamento nazionale e internazionale, l’Associazione “Archivi e Eventi” punta, con l’evento dedicato a Giuseppe Maria del Chiappa, a valorizzare quelle emergenze finora rimaste marginalizzate dalla critica d’arte istituzionale e dai percorsi storiografici ufficiali.
Già nel 1905 l’enfant prodige dell’epopea risorgimententale, Giosuè Borsi, celato dietro l’eccentrico pseudonimo di “Corallina”, recensiva nei suoi Asterischi mondani pubblicati a puntate sulle pagine del Telegrafo, l’esordio di Del Chiappa, reduce dall’alunnato presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, alla Mostra d’Arte Toscana, con tre ritratti – “tre lavori – a suo dire – semplicemente meravigliosi, per finezza di esecuzione, per accuratezza, per il disegno fatto con arte squisita” – apprezzati non a caso da Domenico Trentacoste, seguiti, nel 1906, da un capolavoro disperso, il Profilo di Gabriele D’Annunzio.
In occasione dell’Esposizione d’Arte ai Pancaldi del 1912, accanto a Adolfo e Angiolo Tommasi, Olinto Ghilardi, Ugo Manaresi, Raffaello Gambogi, Corrado Michelozzi, Gino Romiti, Renato Natali, Adriano Baracchini-Caputi, Gastone Razzaguta, Gino Schendi, Umberto Fioravanti, Mario Puccini, era ancora una volta Borsi a salutare Del Chiappa in veste di “disegnatore finissimo ed intenso, nelle sue figure elegantissime, d’un tocco così aristocratico, sottile e squisito”, mentre Gustavo Pierotti della Sanguigna lo apostrofava quale “esperto di mondanità leggiere”.
Fino al 1915, quando, reduce dal trasferimento torinese avviato fin dal 1908, e dalla frequentazione di Giacomo Grosso, Cesare Maggi e Leonardo Bistolfi, si ripresenta a Livorno in una mostra realizzata in tandem con Gino Romiti, nell’occasione della quale Gino Cipriani ne sancisce l’indiscussa autorità simbolista.
Tra sinfonie monocrome modulate su Lavery e incandescente cromatismo alla Zuloaga, Del Chiappa sembra non voler tralasciare nessun sentore di novità eccentrica, per poi subito lasciarsi sedurre dall’enigma di Raul dal Molin Ferenzona, di cui nel 1916 recensirà la mostra livornese, apostrofandolo quale “sognatore squisito, raffinatamente perverso e misticamente cristiano”.

Ed ecco l’exploit in sede di Primaverile Fiorentina, quando il critico varesino Emilio Zanzi ne decreta la legittimazione definitiva con le oltre due pagine dedicategli in catalogo, tratteggiandone un indimenticabile profilo di “assiduo degli Uffizi” e “venerabondo di Giotto”, ossequioso al contempo della modernità ritrattistica di Sargent, Boldini, Blanche, Whistler, infine proiettato verso le audaci sintesi della grafica pubblicitaria.

Non è un caso che proprio in questa sede rifulgesse il Ritratto del pittore Riccobaldi, autore del capolavoro della Rampa della Fiat del 1928, ma al contempo artefice di numerose scenografie per opere dannunziane, infine calamitato dal vortice futurista.

D’ora in avanti la collaborazione da una parte con il divisionista romano Cesare Maggi, con cui condividerà il destino espositivo alla Galleria Vinciana di Milano nel dicembre 1921, e dall’altra con il cartellonista fiorentino Giuseppe Gronchi, con cui firma nel 1928 il manifesto pubblicitario per l’XI Fiera di Padova, conservato presso la Collezione Salce, Museo Nazionale, sancisce la divaricazione espressiva di Del Chiappa tra scientismo ottocentesco, turgori Belle Epoque e tensioni moderniste.

Il capolavoro riapparso rende atto di una personalità inquieta che allo spoglio delle novità linguistiche nazionali e internazionali associa una spasmodica infatuazione dell’antico.

Al termine dell’evento, realizzato in collaborazione con Mario Bardi, l’Associazione “Archivi e Eventi” brinderà con il pubblico.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Interviste al surreale

Presentiamo al pubblico di “Livorno Cruciale” il primo intervento di Alberto Gavazzeni per la nuova rubrica del nostro periodico on line dal titolo “Interviste al surreale”

Ritorno al passato I.
A colloquio con Guglielmo Micheli

Il tentativo è sicuramente difficile: intervistare, a oltre 90 anni dalla sua scomparsa, un artista che ha avuto la fortuna di aver fatto da maestro al “figlio delle stelle”.
Siamo nel 1925 e quell’uomo che sta dipingendo, ad acquarello, due gozzi tirati in secco sulla spiaggia, vicino al Bagno degli Scogli della Regina, mi sembra proprio lui.
Pipa in bocca e basette folte, baffi con punta all’ingiù, un foulard blu intorno al collo di una camicia candida e cappellaccio marrone posto di sghimbescio: il suo pennello vola leggero a dipingere una di quelle marine per cui andrà celebre cent’anni dopo.
E’ l’allievo di Giovanni Fattori, ma anche il maestro di Amedeo Modigliani, Gino Romiti, Oscar Ghiglia, Raffaele Gambogi, Benvenuto Benvenuti, Renato Natali e Llewelyn Lloyd e chi ne ha più ne metta visto che buona parte dei macchiaioli livornesi hanno iniziato sotto la sua supervisione.
Si, è sicuramente Guglielmo Micheli.
Avendo nella mia piccola collezione un acquarello con dipinti due gozzi da arrisico, uno dei quali porta il numero 170, e avendo per trent’anni scritto di pittura e di gare remiere, era logico tentare di capire, al di là della inequivocabile firma, chi fosse l’autore e se quello che stava eseguendo era lo stesso dipinto appeso alle pareti di casa mia.
Maestro mi scusi se la distolgo per qualche minuto dal suo lavoro. Vorrei che lei mi raccontasse la sua storia. Ad esempio, come le è venuta la passione per la pittura?
Micheli in un primo momento sembra storcere il naso perché lo ho disturbato, ma poi accetta di parlare.
“Mio padre Leopoldo era tipografo e litografo, mia madre (Isola Giusti) era di buona famiglia e si dilettava a dipingere; ho preso da lei e, vista la mia propensione e passione per il disegno, i miei genitori mi mandarono a imparare l’Abc dal pittore Natale Betti. Come compagno avevo Plinio Nomellini, che era mio coetaneo e che poi ho ritrovato alla scuola di Giovanni Fattori, a Firenze”.
Ma chi era Natale Betti?
“Un livornese andato come volontario a combattere gli austriaci a Curtatone e che, tornato a casa, si era messo a dipingere soprattutto scene di battaglia. Le stesse che amava anche il Fattori. Quando siamo andati alla sua scuola di disegno figurativo avevamo circa quindici anni. Poi dal 1883 al 1887 sono stato allievo della scuola Michoniana di ornato e di architettura di Livorno”.
A quel punto è cambiato tutto!
“Avevo vent’anni quando mi venne assegnata una borsa di studio di 600 lire l’anno dalla Fondazione dell’imprenditore Michelangelo Bastogi. Era una bella cifra per un ragazzo e così, grazie anche ai miei genitori, ho potuto andare a Firenze, iscrivermi all’Accademia di Belle Arti e frequentare la classe di pittura presso la Scuola Libera di nudo”.
Il suo maestro?
“Era il grande Giovanni Fattori, il pittore forse più importante dell’Ottocento italiano.
Non mi vergogno a dirlo, anzi me ne vanto, diventai il suo allievo preferito. Fu lui a farmi entrare nella scia dei Macchiaioli”.
Scrive il famoso critico Enrico Somaré: “Il Micheli, a Firenze studiava con assiduità, con fervore, preso da un’idea dell’arte e da un senso della vita profondamente seri». Furono queste qualità, unitamente al buon carattere, a renderlo particolarmente caro a Giovanni Fattori”.
Dalla corrispondenza intercorsa fra i due tra il 1890 e il 1908, anno della morte di Fattori, traspaiono la predilezione e il favore particolare del maestro per il giovane allievo, elementi che, con il passare del tempo, trasformarono il rapporto in una profonda e sentita amicizia.
Chi erano i suoi compagni di corso?
“Fra quelli di Firenze ricordo Plinio Nomellini, Mario Puccini, Francesco Fanelli, Ferruccio Pagni e Giuseppe Pellizza da Volpedo”.
Quest’ultimo, il 30 dicembre del 1896, descriverà il Micheli come incorruttibile da «diverse tendenze artistiche, poiché ha basi solide nelle qualità del cuore» (Luigi Servolini, 1929).
Ma per lei questo è stato un periodo intenso visto che a soli ventidue anni, nel 1888, ha sposato Guglielmina Paganucci, nipote dello scultore livornese Giovanni?
“In realtà potrei quasi chiamarla una fuga d’amore perché la famiglia di Guglielmina non voleva saperne di un moroso dall’incerta condizione economica”.
Risale al 1889 il primo ritratto della moglie a mezzo busto, di tre quarti, mentre si volta e fissa lo spettatore con grandi occhi tristi in un volto lungo dalla bocca serrata. Si tratta di uno studio per il ritratto a figura intera realizzato l’anno dopo. Entrambe le opere, così come i “Cacciatori in Tombolo” (Livorno, Museo Civico Fattori) del 1889 o “Estate ai bagni Pancaldi” (Galleria d’arte Athena) e “Campagna toscana” (collezione privata) del 1890, sono meditazioni sugli insegnamenti fattoriani dai quali il Micheli non riusciva ancora a prendere le distanze.
In realtà, dopo la nascita di suo figlio Alberto e poi di Gina Maria, lei è tornato a Livorno nel 1894 dopo aver ottenuto il posto di insegnante di disegno nelle scuole tecniche e normali. Per integrare lo stipendio, viste le responsabilità familiari, nel suo studio, posto nella serra in fondo al giardino della sua casa tra Borgo San Jacopo e Borgo Cappuccini, ha accolto fino al 1906 molti allievi della generazione post-macchiaiola.
“Allievi come Amedeo Modigliani, Gino Romiti e Oscar Ghiglia, ma anche Manlio Martinelli, Raffaello Gambogi, Antonio Antony de Witt, Benvenuto Benvenuti, Adriano Baracchini-Caputi, Eugenio Caprini, Renato Natali e Llewelyn Lloyd”.
È grazie ai ricordi di Lloyd, che nel 1899 lo ritrasse nel suo studio, che conosciamo il metodo di Guglielmo Micheli. Uscendo la mattina per andare a lavorare lasciava gli allievi soli, con il modello in posa e la raccomandazione di dedicarsi «quando si disegnava, alla “forma” e soprattutto ai volumi e agli spazi; quando si dipingeva ai toni, ai rapporti». Quando tornava, la sera, faceva i suoi commenti senza mai intervenire direttamente sulle opere.
Com’erano questi suoi allievi?
“Dedo era già malato, aveva un carattere malinconico, ma ribelle, testardo e indipendente. Non sopportava più che tanto le critiche e un modo di dipingere che riteneva sorpassato. Alla fine preferì andare a fare la fame a Parigi e diventare il “figlio delle stelle”. Romiti, grande amico di Dedo, aveva la predilezione per i pini e le tamerici di Ardenza, ma di base era un pittore “campagnolo”. Il suo contrario era Antony de Witt, il più raffinato e colto del gruppo che dipingeva per se stesso. Ghiglia tendeva a isolarsi mentre Llewelyn Lloyd stilisticamente era un conservatore anche se poi si lasciò influenzare dal divisionismo di Plinio Nomellini”.
Sono questi gli anni in cui Micheli realizzò dipinti quali “Porto di Livorno” (1895, Livorno, Museo civico Fattori) in cui la sintesi di sentimento, disegno e forma lo consacra come pittore di marine. Capace di cogliere i toni delle «miriadi di superfici concave e convesse che storcono, spezzano, aggrovigliano l’immagine riflessa» (Lloyd, 1951), Micheli ne riprese il tema nel poco più tardo “Nel porto di Livorno” in cui, alla cura del dettaglio dei velieri di poppa, aggiunse con un tratto più libero come la nota intima del gruppo familiare sulla barca a remi in primo piano. Sarà grazie a questi dipinti e al più tardo “Veliero della ruota in darsena” che Fattori dirà «io ho insegnato a Micheli a far cavalli; ma Memo ha insegnato a me a far marine».
Ma poi, visti gli impegni di famiglia, ha iniziato a girare l’Italia come professore di disegno?
“Fu proprio il mio amico Giovanni che mi raccomandò pubblicamente come insegnante di pittura, ma al momento non ebbe effetto perché rimasi all’Istituto Tecnico di Livorno fino al 1906. Intanto, fra il 1901 e il 1903 esposi alla Promotrice Fiorentina e nel 1904 mi chiesero di far parte della giuria all’esposizione di Londra e della Commissione per l’assegnazione della borsa di studio della Fondazione Banti”.
Al 1906 risale la partecipazione all’Esposizione nazionale a Milano cui seguì, tra le altre, quella alla mostra Donatelliana nel 1909 nella quale fu premiato con medaglia d’oro per un dipinto con una marina, e per un disegno.
Quale fu la sua prima destinazione?
“Nel 1906 mi assegnarono la cattedra alla scuola tecnica di Acqui, ed ebbe così inizio un lungo periodo di trasferimenti in tutta Italia”.
Il soggiorno ad Acqui fu segnato dalla prematura morte del figlio sedicenne Alberto avvenuta nel gennaio del 1907 per polmonite. L’episodio colpì duramente il pittore che trovò la forza di superarlo solo grazie agli affetti e all’impegno assiduo nel lavoro.
Poi un lungo girovagare?
“Sì. Mi hanno trasferito in Sardegna, a Iglesias, Cortona, Sassari, poi a Caltanissetta, Bari, Pisa, Siracusa e, al termine della carriera, ad Arezzo. Qui, al liceo scientifico Redi ho avuto fra gli allievi Amintore Fanfani che nel 1966, a Livorno, inaugurerà a Villa Fabbricotti il mio busto per il centenario della nascita”.
L’interesse e la passione per l’insegnamento lo portarono a pubblicare cartelle di disegni a serie per uso scolastico sui temi dell’ornato, del chiaroscuro, della figura, editi a Livorno, per i tipi di Meucci, e dalla scuola labronica di arti e mestieri. Tra il 1910 e il 1920 si datano opere come “Carro rosso”, in cui l’accentuato frontalismo è risolto con maestria in un verticalismo prospettico sostenuto da campiture di colore costruttive e sintetiche, e “Coppia di buoi bianchi” (entrambe al Museo Fattori) probabile pendant del dipinto precedente, in cui la trama pittorica a larghe pennellate spezzate, ravvisabile anche in “Bambine sulla spiaggia”, nello stesso museo, lo avvicina alle ricerche che in quegli anni portavano avanti gli allievi Ghiglia e Lloyd.
Di quand’è il suo autoritratto in cui si è raffigurato in una smorfia scherzosa, con la pipa in bocca, il cappello di tre quarti?
“Non ricordo esattamente: del 1921 o del 1922. Mi sono divertito ad auto- dipingermi quando ero ancora ad Arezzo”.
Appassionato acquerellista, il Micheli si dedicò anche all’incisione, tra i cui esemplari si ricordano le acqueforti “Livorno: canale del Calabrone”, “Alberi secchi”, “Veliero nel porto labronico”, “ Canale con barca”, “Stradina”, “Campagna livornese” e all’illustrazione di libri per la casa editrice Belforte di Livorno, per cui realizzò, tra l’altro, le tavole per Gambalesta di Luigi Capuana, Pierino e le sue bestie di Levi, e per la quale illustrò i libri della collezione «Elena». Collaborò inoltre con l’editore musicale livornese Ferrigni e Cremonini e realizzò serie di cartoline, calendari, manifesti e diplomi.
Ma non è più tornato a Livorno?
“Sono rimasto ad Arezzo fino al 1925, l’anno in cui morì la mia adorata Guglielmina, poi sono rientrato a Livorno e sono venuto a stare con mia figlia. Come vedi le due barche da arrisico che hai nella tua collezione le sto dipingendo ora. Con questo acquarello voglio ricordare un mestiere marinaro che è ormai sparito. Restano solo questi gozzi abbandonati sulla spiaggia”.
Guglielmo Micheli morirà il 7 settembre 1926.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

OLINTO GHILARDI: L’Oriente moderno al Caffè Bardi

comunicato stampa © “Archivi e Eventi”

Nel clima effervescente ed emancipato del Caffè Bardi Olinto Ghilardi introdusse “un profumo esotico” che contribuì a diversificare e opportunamente contaminare gli effluvi rivoluzionari degli adepti livornesi.
Con Ermenegildo Bois Ghilardi era infatti partito per l’India, dove nel 1885 venne nominato “Vice-Principal” nell’ambito del Government College of Arts & Craft di Calcutta e dove lavorò per diversi anni al servizio di principi e notabili locali, fino a divenire protagonista della rinascita dell’arte moderna indiana e della Scuola del Bengala.
Non stupisce che al suo rientro in Italia nel 1905 Ghilardi venisse accolto nelle vesti di artista affermato, finchè il Telegrafo gli dedicherà un lungo articolo nel 1924 e Gastone Razzaguta, nelle sue Virtù degli Artisti Labronici, ne menzionerà l’apprezzata carriera di scenografo, ma soprattutto la realizzazione di “pitture raccontative enfatiche”, costellate di divinità indiane.
Ammesso dunque nel gotha della rivoluzione artistica labronica, il sodalizio del Caffè Bardi, Ghilardi partecipò alla celebre impresa decorativa dei pilastri e delle lunette dello storico locale cittadino insieme con Benvenuto Benvenuti (Tacchini e La civetta), Umberto Fioravanti (Venere), Giulio Ghelarducci (Oleandri), Corrado Michelozzi (Servito per caffè), Renato Natali (Calle veneziana, Scalinata settecentesca e Terrazza rustica), Mario Puccini (La Venezia livornese e Il Lazzeretto), Gino Romiti (Nascita di Venere, Oleandri e Marina), Gastone Razzaguta (L’offerta del caffè), con un mai ritrovato pannello dal titolo Scena indiana.
Oggi l’Associazione “Archivi e Eventi”, grazie alla pluriennale ricerca scientifica di Francesca Cagianelli intitolata al Caffè Bardi, e in virtù della collaborazione intrapresa con l’erede degli storici proprietari, Mario Bardi, è in grado di presentare in anteprima all’attenzione del grande pubblico e degli addetti ai lavori un monumentale ed enigmatico dipinto inedito, con ogni probabilità riferibile all’impresa del Caffè Bardi, grazie al reperimento di una fotografia storica, proveniente dalla raccolta Bardi, unica testimonianza finora nota di una produzione non definitivamente allineata con il repertorio esotico, e destinata pertanto a scatenare una vera caccia al tesoro.
Ai fini della migliore promozione di tale indagine scientifica “Archivi e Eventi” ha deciso di istituire un premio per coloro che segnaleranno il dipinto di Ghilardi, consistente nella pubblicazione di una brossura dedicata all’opera ritrovata, realizzata con la generosa partecipazione di Mario Bardi.
Per qualsiasi notizia è sufficiente inviare una fotografia ad alta risoluzione all’indirizzo mail francesca.cagianelli@fastwbnet.it, oppure telefonare al numero 392.6025703.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized