Archivi tag: Archivi e Eventi

L’impulso di Archivi e Eventi verso le avanguardie a Livorno

Tra poco un’altra riscoperta di Archivi e Eventi

Al Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato

si inaugura

Angelo Sirio Pellegrini

L’idioma ironico di un fauve strapaesano

17 giugno-1 luglio 2017

mostra a cura di

Francesca Cagianelli

promossa da

Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato

in collaborazione con

“Archivi e Eventi”

inaugurazione – sabato 17 giugno, ore 17.30

ore 18.00 – visita guidata di Francesca Cagianelli

ore 19.00 cocktail

con la cortese partecipazione di

Mario Bardi
Luciano Canepa
Bruno Lenzi

comunicato stampa © Archivi e Eventi

“Archivi e Eventi” e le avanguardie a Livorno: un capitolo che brucia un’altra tappa significativa sabato 17 giugno 2017 presso il Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato (via Michon, 22, Livorno, fino al 1 luglio 2017, lunedì-sabato, ore 10.00-12.30 e 16.00-20.00).

Dopo Mario Benedetti, e prima di Pierino Fornaciari (in programma per l’autunno 2017), “Archivi e Eventi” firma un’altra riscoperta delle avanguardie livornesi: Angelo Sirio Pellegrini.

Ed è proprio il Presidente dell’Associazione livornese, Francesca Cagianelli, ad aver varato, fino ad oggi, strategie così pulsanti in merito alle avanguardie livornesi, per troppo tempo relegate sul terreno della ricognizione collettiva o della promozione sommaria, ma mai storicizzate in termini di capitoli scanditi monograficamente.

Sembra oggi scoccare l’inversione di tendenza, e “Archivi e Eventi”, a tutti gli effetti, ha imboccato un corso pionieristico.

L’impegno pluriennale nel settore delle avanguardie livornesi ha consentito di catalogare centinaia di opere inedite che d’ora in avanti troveranno adeguata promozione sul sito di “Livorno Cruciale”, il periodico on line di “Archivi e Eventi”, con l’obiettivo di censire progressivamente il corpus ancora sconosciuto di tanto protagonisti degli anni Cinquanta a Livorno, nonchè di creare piattaforme il più possibile filologiche su cui impostare l’ambiziosa impresa di un approfondimento monografico finalmente calibrato su standard nazionali.

Con la mostra e il catalogo di Angelo Sirio Pellegrini, “Archivi e Eventi” conferma dunque le proprie strategie di indagine filologica delle avanguardie livornesi, al di là di ogni disaccorta affabulazione di una critica militante che a Livorno sembra aver già ampiamente disseminato germi di fatale inadempienza.

E il risultato è davvero sorprendente: sono circa 40 le opere di Angelo Sirio Pellegrini presentate al Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato, che ripropongono, dopo l’antologica del 1983 presso la Galleria d’Arte “Re di Quadri” di Cesare Rotini, un periodo magico della produzione pellegriniana.

Si tratta di monumentali bagnanti deformate da stilemi fauves incamerati tra i cunicoli strapaesani dell’espressionismo rosaiano, ma anche di mitici cavallucci marini e galli fiabeschi che ritmano la joie de vivre di un irriducibile temperamento anarchico ‘malato’ di surrealismo, mentre lavandaie e pescatori vibrano all’unisono con il libeccio del Tirreno, in un’epica arcadica intessuta di accadimenti primordiali.

Non a caso si è inteso intitolare provocatoriamente tale monografica, partendo da quella ricognizione critica di Piero Caprile, firmata in margine al catalogo della personale alla Galleria Elefante del 1979, dove per la prima volta si faceva cenno a quell’“idioma ironico” di Pellegrini, che negli anni Ottanta gli consentiva di sublimare tutte le sue migliori battaglie condotte nel segno del rinnovamento linguistico sotto l’egida di un’aura strapaesana, vibrante più che di ingenuismo naif, di un sofferto, eppur laconico, impegno sociale.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ALTRA RISCOPERTA DI ARCHIVI E EVENTI: UN TUFFO NELLE AVANGUARDIE

Tra poco Archivi e Eventi firmerà al Circolo Culturale Antonio Amato un’altra riscoperta delle avanguardie degli anni anni Cinquanta a Livorno: “Angelo Sirio Pellegrini. L’idioma ironico di un fauve strapaesano”, mostra e catalogo di Angelo Sirio Pellegrini, a cura di Francesca Cagianelli.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Grande mostra di “Archivi e Eventi” a Villa del Presidente

Per l’ottobre 2017 “Archivi e Eventi” si mobilita per una grande mostra su Pierino Fornaciari in programma a Villa del Presidente.
Promossa da Fondazione Livorno, mostrerà per la prima volta al grande pubblico un inedito percorso di oltre cinquanta quadri di questo outsider delle avanguardie livornesi degli anni Cinquanta.
L’Associazione “Archivi e Eventi” accoglierà in quest’occasione il pubblico con visite guidate gratuite, lezioni, conferenze, proiezioni.
Un ampio e prestigioso catalogo-monografia sonderà per la prima volta le mille congiunture di Fornaciari con i vip delle avanguardie del Premio Modigliani, della Casa della Cultura, e della Galleria Giraldi.
Un circuito quest’ultimo pieno di sorprese, sfuggito ad oggi ad un’autorevole storicizzazione, soprattutto per quel che riguarda primati e classifiche.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

ARCHIVI E EVENTI “PRENDE POSIZIONE” E RILANCIA PER IL 2017

La Redazione di “Livorno Cruciale” e i vertici di “Archivi e Eventi” salutano il 2016 con soddisfazione e responsabilità.
Soddisfazione, senz’altro, per i numerosi e prestigiosi risultati conseguiti, responsabilità invece rispetto a un pericoloso crinale di retrocessione delle strategie culturali territoriali e nazionali.
Ci affacciamo al 2017 con l’orgoglio di chi ha preso posizione: per quanto mi riguarda, come professionista, come cittadino, ma soprattutto come intellettuale.
Presiedendo un’Associazione culturale e dirigendo un periodico artistico, ho dovuto talvolta compiere scelte radicali, spesso rischiose, sempre impopolari.
Ho costantemente voluto farlo nel segno del rigore, rifuggendo cioè da quell’autismo che sovente accompagna certi operatori culturali troppo ancorati alle logiche territoriali, ma soprattutto rinunciando a quella pericolosa compiacenza cui troppo spesso si ricorre per evitare il rischio di un dibattito e fors’anche di una polemica.
Lo abbiamo fatto in omaggio al talento, alla qualità, alla professionalità, consapevoli di essere ancora in pochi, ma fiduciosi di combattere in una direzione lungimirante e foriera di crescita e innovazione.
Incassiamo il gradimento, anzi la stima di molti, sia a livello personale, sia a livello associativo.
“Archivi e Eventi” ha siglato in questo 2016 il suo debutto regionale, riportando alla ribalta un protagonista delle avanguardie novecentesche quale Alessandro Scheibel e conquistando un credito eccezionale grazie all’accoglienza presso l’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze.
Con la prima monografia italiana dedicata al genio dell’affiche, Leonetto Cappiello, abbiamo inoltre ribaltato il destino critico di un protagonista della cultura figurativa mondiale, inserendoci a pieno titolo nel panorama della bibliografia internazionale.
Non abbiamo tuttavia tralasciato l’affetto e l’attenzione per la nostra Livorno, pur rifuggendo da quella perniciosa livornesità che abbassa costantemente la soglia delle nostre potenzialità: ed è con l’impegno profuso nel proseguire l’impresa del nostro periodico “Livorno Cruciale” che non possiamo non ribadire il ruolo che abbiamo conquistato a Livorno e per Livorno.
Abbiamo preso posizione. Abbiamo vinto una scommessa importante!

Auguri

Francesca Cagianelli

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized