Archivi tag: arte livornese

LA PINACOTECA SERVOLINI DIVENTA FARO DEL FUTURISMO

CON LA GRANDE MOSTRA DEDICATA ALL’ARCHITETTO E SCENOGRAFO VIRGILIO MARCHI LA PINACOTECA COMUNALE SERVOLINI DIVENTA UN LABORATORIO DEL FUTURISMO.
PROPRIO AL FUTURISMO INFATTI SARANNO DEDICATI GLI EVENTI COLLATERALI CURATI CON PROFESSIONALITA’ E CREATIVITA’ DA ARCHITETTI, ATTORI E STORICI DELL’ARTE IN CORSO DA MARZO A GIUGNO 2015: I GIOVEDI’ DEL FUTURISMO.
VERA E PROPRIA FUCINA DI ESPOSIZIONI E DIDATTICA LA PINACOTECA COLLIGIANA SI STA TRASFORMANDO SENZA ALCUN DUBBIO IN UN FARO NELLA RISCOPERTA DELLE AVANGUARDIE DEL NOVECENTO.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

L’Eros conquista Livorno Cruciale

L’Eros conquista Livorno Cruciale

In edicola e il libreria il nuovo numero dell’imperdibile rivista

Editoriale di Dario Matteoni

A voler anticipare le innumerevoli suggestioni destinate a inondare l’immaginario dei lettori di questo nuovo numero di “Livorno cruciale” dedicato alla sessualità e nel tentativo di offrire al pubblico una visione non scontata di un tema che potrebbe apparire fin troppo à la page, sono ritornato con la memoria a una lettura compiuta in uno dei miei primi soggiorni a Parigi alla metà degli anni Settanta, The Deltus of Venus, una raccolta di racconti scritti da Anaïs Nin per un collezionista ‘privato’, apparsa postuma nel 1978. Questo libro, poi tradotto anche in italiano, è da considerarsi a tutti gli effetti uno dei capolavori della letteratura erotica del Novecento cui molti ancora oggi attingono. La storia di questa raccolta di racconti è assai nota, ma vale la pena riassumerla brevemente per la sua stranezza.
Un collezionista di libri aveva ingaggiato lo scrittore americano Henry Miller affinchè scrivesse in cambio di cento dollari al mese racconti erotici; l’autore del Tropico del Capricorno aveva accettato, ma poi aveva passato la commissione alla sua amica Anaïs.
“Così – racconta la Nin – incominciai a scrivere ironicamente, divenendo così improbabile, bizzarra ed esagerata, che pensai che il vecchio si sarebbe accorto che stavo facendo una caricatura della sessualità. Ma non ci fu nessuna protesta”. Il ricco collezionista, ricevuti i primi testi, raccomandò meno poesia e più dettagli specifici sul sesso. La Nin rispose a tale invito con una lettera che illumina ancora oggi sulle modalità con cui affrontare i temi dell’erotismo: “Il sesso – scrive Anaïs – perde ogni potere quando diventa esplicito, meccanico, ripetuto, quando diventa un’ossessione meccanicistica. Diventa una noia. Lei ci ha insegnato più di qualunque altro quanto sia sbagliato non mescolarlo all’emozione, all’appetito, al desiderio, alla lussuria, al caso, ai capricci, ai legami personali, a relazioni più profonde che ne cambiano il colore, il sapore, i ritmi, l’intensità (…). Questo è quel che conferisce al sesso la sua struttura sorprendente, le sue trasformazioni sottili, i suoi elementi afrodisiaci. Lei sta rimpicciolendo il mondo delle sue sensazioni”. E ancora: “Il sesso deve essere innaffiato di lacrime, di risate, di parole, di promesse, di scenate, di gelosia, di tutte le spezie della paura, di viaggi all’estero, di facce nuove, di romanzi, di racconti, di sogni, di fantasia, di musica, di danza, di oppio, di vino. Quanto perde con questo periscopio sulla punta del pisello, quando invece potrebbe godersi un harem di meraviglie tutte diverse e mai ripetute!”.
E come la giovane modista di Parigi, quella Matilde descritta in un racconto della Nin, anche la modella della copertina di questo numero si guarda allo specchio in sottile gioco erotico dove compiacimento e provocazione si mescolano indissolubilmente.
Tra l’altro la nostra scrittrice affermava giustamente che scrivere di sesso era diventata una strada verso la santità invece che verso la dissolutezza e, se vogliamo, la pittura di Vittorio Corcos, mirabilmente analizzata nel saggio di Francesca Cagianelli, non indica proprio questo cammino?
.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized