In anteprima a Collesalvetti focus su Marino Marini

giovedì 24 agosto 2017, apertura ore 16.00-19.00

ore 17.30
Focus sull’opera
Marino Marini, Medioevo, 1923, acquaforte

Marino Marini
e l’exploit a Bottega d’Arte

Calendario Estate/2017 in Pinacoteca
Tra caffè, gallerie e salotti: la Livorno di Bruno Miniati

ideato in occasione della mostra
48 opere in anteprima dalla collezione Miniati
Dal Caffè Bardi al Gruppo Labronico:
i maestri della grafica

Pinacoteca Comunale Carlo Servolini
via Umberto I, n. 63 – Collesalvetti

orario estivo
tutti i giovedì, ore 16.00/19.00

Riapertura in grande stile giovedì 24 agosto 2017 (ore 16.00-19.00), per la Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, con il focus Marino Marini e l’exploit a Bottega d’Arte, previsto alle ore 17.30, a conclusione del Calendario Estate 2017 in Pinacoteca, dal titolo “Tra caffè, gallerie e salotti: la Livorno di Bruno Miniati”, ideato in occasione della mostra 48 opere in anteprima dalla collezione Miniati. Dal Caffè Bardi al Gruppo Labronico: i maestri della grafica, promossa dal Comune di Collesalvetti, a cura di Francesca Cagianelli, conservatrice della Pinacoteca colligiana.

In attesa della grande mostra Marino Marini. Passioni visive, prevista a Palazzo Tau, sede del Museo e della Fondazione Marini per il settembre 2017, Francesca Cagianelli apre un osservatorio inedito su una stagione ancora poco nota di Marino Marini, quella dell’exploit del pistoiese presso “Bottega d’Arte”, proprio all’epoca del sistema culturale e promozionale indetto a Livorno da imprenditori lungimiranti quali Gino Belforte e artisti-mecenati quali Bruno Miniati.

Iscrittosi nel 1917 al Regio Istituto di Belle Arti di Firenze, insieme alla sorella Egle, Marini verrà ammesso solo nel 1921 al corso per l’incisione all’acquaforte tenuto da Celestino Celestini, realizzando le sue prime prove acquafortistiche, coincidenti con un corpus di 12 incisioni – stando alle deduzioni di Mario De Micheli – databili a partire dal 1920, secondo una ripartizione che vede l’alternanza tra un primo nucleo più subordinato alla persistenza macchiaiola e un indirizzo successivo di vocazione secessionista.

Ma ecco che una gemma quale il Medioevo mariniano, pubblicato solo nel 1990 quale recentissima acquisizione, addirittura in corso d’opera, nel Catalogo ragionato dell’Opera grafica (incisioni e litografie) 1919-1980, edito da Graphis Arte, con titolo non filologicamente attestato, ovvero come Paesaggio immaginario, dischiude a Livorno, al momento dell’exploit dell’artista a Bottega d’Arte nell’agosto del 1923, una prospettiva culturale assolutamente inedita, laddove la poetica primitivista in essa vibrante reclama parentele illustri con il geniale Duilio Cambellotti, pervaso di dottrina morrisiana e di medioevalismo alla Ruskin, di cui l’omonima xilografia, apparsa su “Novissima” del 1905, costituisce una prefazione non banale.

Senza contare la condivisione di aneliti simbolisti con il fiorentino Raoul Dal Molin Ferenzona, tra gli apostoli più ispirati della dottrina rosacrociana e costantemente ispirato dal brivido del gotico, destinato a condividere con Marino Marini il palcoscenico labronico, laddove, nel gennaio dello stesso 1923, nel corso di una personale a Livorno, sempre presso “Bottega d’Arte”, l’artista, a giudizio di Gino Carlo Ciappei, assurgerà al ruolo di dandy-alchimista, forse anche con riferimento al substrato esoterico coltivato durante il soggiorno a Praga, dove tra il 1910 e il 1912 furoreggiava Sursum, sorta di confraternita artistica pervasa di occultismo.

Ma è soprattutto con Francesco Chiappelli che occorre stabilire una liaison dominante, con riferimento alla comune derivazione dalla Scuola d’Incisione di Firenze diretta da Celestino Celestini, promotrice della mostra presentata all’Accademia fiorentina tra il 1912 e il 1913, alla quale dovette seguire l’Esposizione di Bianco e Nero, partecipata oltre che dai capiscuola De Carolis, Celestini e Costetti, da personalità di eccezione quali Ottone Rosai, specializzatosi in vedute architettoniche connotate da un verticalismo visionario alla Gordon Craig. Ed è proprio in quell’allucinato goticismo vibrante in Castelli stregati e Corsaresche, che Chiappelli, distintosi con l’acquaforte Certosa, altro probabile incunabolo per il Medioevo mariniano, nell’ambito della sezione “Bianco e nero” della Biennale di Venezia del 1914, e impostosi con Caravelle alla Mostra Nazionale dell’Incisione del 1915, riuscirà a motivare Marino Marini all’alba della sua produzione incisoria.

Il finissage della mostra “48 opere in anteprima dalla collezione Miniati. Dal Caffè Bardi al Gruppo Labronico: i maestri della grafica” si svolgerà giovedì 31 agosto 2017, con apertura dalle ore 16.00 alle 19.00 e con visite guidate gratuite a cura di Francesca Cagianelli.

Grande appuntamento, infine, martedì 5 settembre 2017, alle ore 17.00, per l’inaugurazione della mostra Renzo Izzi 1929-1995: Livorno-Milano 1960. Storia di uno ‘scapigliato’ espressionista verso il naturalismo astratto. Dal Premio Modigliani alla Galleria delle Ore, promossa dal Comune di Collesalvetti e curata da Francesca Cagianelli, in occasione di Fiera Paesana 2017 (fino al 30 novembre, tutti i giovedì, ore 15.30-18.30).

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

Grande mostra a Palazzo Ducale

Notizie cronaca genova
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
redazione@genovapost.com

Facebook Genova Post Twitter Genova Post Google+ Genova Post

Mostra di Rubaldo Merello a Palazzo Ducale

La mostra, curata da Matteo Fochessati e da Gianni Franzone, conservatori della Wolfsoniana, è organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura
e promossa dal Comune di Genova e dalla Regione Liguria.
L’esposizione si avvale della collaborazione di un comitato scientifico, composto da:

Francesca Cagianelli, Maria Flora Giubilei, Dario Matteoni, Eleonora B. Nomellini, Elisabetta Papone, Caterina Olcese Spingardi, Sergio Rebora, Aurora Scotti, Giulio Sommariva, Alessandra Tiddia.

Genova – A oltre quarant’anni dalla Mostra di Rubaldo Merello che, curata nel 1970 da Gianfranco Bruno e Franco Sborgi, diede avvio alla rilettura dell’opera di uno tra i maggiori pittori liguri del Novecento, e a quasi trent’anni dall’esposizione che lo stesso Bruno organizzò prima all’Accademia Ligustica di Genova e poi al Palazzo della Permanente di Milano, Palazzo Ducale di Genova dedica dell’artista ligure un’ampia mostra in cui, tra le duecento opere selezionate, si presentano 65 suoi dipinti e circa 30 suoi disegni, accompagnati dalle principali testimonianze della sua attività plastica.

A contestualizzare la sua produzione artistica contribuiscono una decina di opere di Nomellini, cinque di Previati (tra cui Tramonto in Liguria, 1912, uno dei suoi capolavori liguri) e altrettante di Pellizza, oltre a dipinti di Giovanni Segantini, Vittore Grubicy, Emilio Longoni, Angelo Morbelli, Galileo Chini (tra cui i suggestivi L’ora nostalgica sul Mé-Nam, 1912-1913 e Dove riposa Segantini, 1916), Guglielmo Lori, Benvenuto Benvenuti, Adriano Baracchini Caputi, Filiberto Minozzi, Guido Cinotti. Gli artisti liguri sono rappresentati da Giuseppe Sacheri, Eugenio Olivari, Antonio Discovolo, Domenico Guerello, Giuseppe Cominetti, Cornelio Geranzani, Alberto Helios Gagliardo e Sexto Canegallo.

La mostra è suddivisa in dodici sezioni: Grubicy e il mito di Segantini; Previati e il paesaggio ligure; Nomellini a Genova; Il mare di Nomellini; Pellizza da Volpedo. Verso il paesaggio interiore; Merello. L’ossessione del paesaggio; San Fruttuoso; Le forme dell’acqua; Merello scultore; Merello e il simbolismo; Oltre Merello.

Oltre a contare sul prestito di alcune fondamentali opere provenienti da musei e raccolte pubbliche (tra cui la Galleria d’Arte Moderna, le Raccolte Frugone, il Museo dell’Accademia Ligustica e la Wolfsoniana di Genova; la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma; la Galleria d’Arte Moderna Paolo e Adele Giannoni di Novara; la Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza; “Il Divisionismo”, Pinacoteca della Fondazione C.R. di Tortona; il Museo del Paesaggio di Verbania; la Fondazione Livorno), il percorso espositivo è supportato da importanti e, in alcuni casi, inediti prestiti privati.

L’esposizione è accompagnata da un catalogo edito da Sagep che, oltre a documentare le opere esposte, propone una serie di approfondimenti sul percorso artistico di Merello e sulla cultura divisionista e simbolista in Italia tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento.

REDAZIONE
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

A Collesalvetti focus culturale per il Calendario Estate 2017

giovedì 3 agosto 2017, ore 17.30

Focus sull’opera

Renato Natali, Lottatori, 1911, litografia

Edgar Chahine: un maestro per l’Europa e per Natali

Calendario Estate/2017 in Pinacoteca

Tra caffè, gallerie e salotti: la Livorno di Bruno Miniati

ideato in occasione della mostra

“48 opere in anteprima dalla collezione Miniati”

Dal Caffè Bardi al Gruppo Labronico:

i maestri della grafica

Pinacoteca Comunale Carlo Servolini

via Umberto I, n. 63 – Collesalvetti

orario estivo

tutti i giovedì, ore 16.00/19.00

Al via giovedì 3 agosto 2017, ore 17.30, alla Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, il focus del Calendario Estate 2017 in Pinacoteca, dal titolo “Tra caffè, gallerie e salotti: la Livorno di Bruno Miniati”, ideato in occasione della mostra “48 opere in anteprima dalla collezione Miniati. Dal Caffè Bardi al Gruppo Labronico: i maestri della grafica”, promossa dal Comune di Collesalvetti, a cura di Francesca Cagianelli, conservatrice della Pinacoteca colligiana.

Si tratta dell’ultimo evento del calendario estivo prima della chiusura della Pinacoteca che riaprirà giovedì 24 agosto 2017 con il focus sull’opera Marino Marini, Medioevo, 1923, acquaforte, dal titolo Marino Marini e l’exploit a Bottega d’Arte.

L’appuntamento di giovedì 3 agosto reca un titolo sorprendentemente inedito, ovvero Edgar Chahine: un maestro per l’Europa e per Natali, frutto di ricognizioni pluriennali negli archivi pubblici e privati del territorio livornese, ma anche nazionale, durante le quali numerose e di diverso registro sono state le sorprese in merito a un panorama artistico e letterario locale che niente presentava di vernacolare o municipalistico, e che sollecitava pertanto all’approfondimento di alcuni rivoli di ricerca, anzi, di vere e proprie punte di emergenza storica.

Non si può a tale proposito trascurare l’importanza della data del 1911, coincidente con la vicenda fatidica del ciclo litografico realizzato dall’artista sotto gli auspici del collega Benvenuto Benvenuti e del letterato Gustavo Pierotti Della Sanguigna, entrambi curatori a tutti gli effetti dell’impresa editoriale cui appartiene la litografia Lottatori presentata in mostra.

La richiesta di assoluta segretezza avanzata da Benvenuti riguardo a tale progetto litografico lascia trapelare oltre che il prestigio, innanzitutto la novità dell’impresa condotta a termine da Natali, che in quest’occasione assesta senza dubbio una maniera incisoria di straordinario effetto drammatico e impatto luminoso, compatibile con quel divisionismo simbolico e addirittura iniziatico, affrancato a Livorno dal magistero di Vittore Grubicy de Dragon.
La vocazione europea di litografie quali Rissa, Solitudine, Via del Mulino a Vento, La prima di Mascagni, Tre figure, Rissa-Via del Mulino a Vento, ma, soprattutto, Lottatori, giustifica l’insistenza di Dario Niccodemi presso l’artista affinchè quest’ultime venissero presentate all’Esposizione internazionale di litografie originali moderne del 1913, promossa dal Senefelder Club di Londra, dove riscuoteranno la loro legittimazione a firma di John Copley, aggiornatissimo esponente dell’arte litografica inglese.
E se la presenza costante di Cappiello in sede livornese, nonchè la sua amicizia con i più significativi artisti del Caffè Bardi, in particolare Natali, di cui acquista perfino un’acquaforte nel 1912, è sufficiente per asserire l’aggiornamento di quest’ultimo sulla Belle Epoque francese, con riferimento al mito di Toulouse-Lautrec, non si può neppure esimerci dal citarne la contiguità con Edgar Chahine, forse uno dei più eccelsi maestri dell’incisione mondiale.

‘Pillaccherone’ in sosta ai crocicchi malfamati di una Livorno contigua al malaffare degli angiporti; scorci desolati di quartieri délabrés con panni oscillanti dalle finestre come tendoni teatrali di quinte periferiche, denunciano in quest’ottica la loro pulsante ispirazione dalle tranches de vie della produzione acquafortistica di Chahine.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized

L’impulso di Archivi e Eventi verso le avanguardie a Livorno

Tra poco un’altra riscoperta di Archivi e Eventi

Al Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato

si inaugura

Angelo Sirio Pellegrini

L’idioma ironico di un fauve strapaesano

17 giugno-1 luglio 2017

mostra a cura di

Francesca Cagianelli

promossa da

Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato

in collaborazione con

“Archivi e Eventi”

inaugurazione – sabato 17 giugno, ore 17.30

ore 18.00 – visita guidata di Francesca Cagianelli

ore 19.00 cocktail

con la cortese partecipazione di

Mario Bardi
Luciano Canepa
Bruno Lenzi

comunicato stampa © Archivi e Eventi

“Archivi e Eventi” e le avanguardie a Livorno: un capitolo che brucia un’altra tappa significativa sabato 17 giugno 2017 presso il Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato (via Michon, 22, Livorno, fino al 1 luglio 2017, lunedì-sabato, ore 10.00-12.30 e 16.00-20.00).

Dopo Mario Benedetti, e prima di Pierino Fornaciari (in programma per l’autunno 2017), “Archivi e Eventi” firma un’altra riscoperta delle avanguardie livornesi: Angelo Sirio Pellegrini.

Ed è proprio il Presidente dell’Associazione livornese, Francesca Cagianelli, ad aver varato, fino ad oggi, strategie così pulsanti in merito alle avanguardie livornesi, per troppo tempo relegate sul terreno della ricognizione collettiva o della promozione sommaria, ma mai storicizzate in termini di capitoli scanditi monograficamente.

Sembra oggi scoccare l’inversione di tendenza, e “Archivi e Eventi”, a tutti gli effetti, ha imboccato un corso pionieristico.

L’impegno pluriennale nel settore delle avanguardie livornesi ha consentito di catalogare centinaia di opere inedite che d’ora in avanti troveranno adeguata promozione sul sito di “Livorno Cruciale”, il periodico on line di “Archivi e Eventi”, con l’obiettivo di censire progressivamente il corpus ancora sconosciuto di tanto protagonisti degli anni Cinquanta a Livorno, nonchè di creare piattaforme il più possibile filologiche su cui impostare l’ambiziosa impresa di un approfondimento monografico finalmente calibrato su standard nazionali.

Con la mostra e il catalogo di Angelo Sirio Pellegrini, “Archivi e Eventi” conferma dunque le proprie strategie di indagine filologica delle avanguardie livornesi, al di là di ogni disaccorta affabulazione di una critica militante che a Livorno sembra aver già ampiamente disseminato germi di fatale inadempienza.

E il risultato è davvero sorprendente: sono circa 40 le opere di Angelo Sirio Pellegrini presentate al Circolo Culturale d’Arte Antonio Amato, che ripropongono, dopo l’antologica del 1983 presso la Galleria d’Arte “Re di Quadri” di Cesare Rotini, un periodo magico della produzione pellegriniana.

Si tratta di monumentali bagnanti deformate da stilemi fauves incamerati tra i cunicoli strapaesani dell’espressionismo rosaiano, ma anche di mitici cavallucci marini e galli fiabeschi che ritmano la joie de vivre di un irriducibile temperamento anarchico ‘malato’ di surrealismo, mentre lavandaie e pescatori vibrano all’unisono con il libeccio del Tirreno, in un’epica arcadica intessuta di accadimenti primordiali.

Non a caso si è inteso intitolare provocatoriamente tale monografica, partendo da quella ricognizione critica di Piero Caprile, firmata in margine al catalogo della personale alla Galleria Elefante del 1979, dove per la prima volta si faceva cenno a quell’“idioma ironico” di Pellegrini, che negli anni Ottanta gli consentiva di sublimare tutte le sue migliori battaglie condotte nel segno del rinnovamento linguistico sotto l’egida di un’aura strapaesana, vibrante più che di ingenuismo naif, di un sofferto, eppur laconico, impegno sociale.

Lascia un commento

Archiviato in Uncategorized